Manuale di Sopravvivenza · scrittura

Manuale di sopravvivenza IV -Imparare ad attraversare la strada

ampelmann.jpg

Il professore di Lettere del Ginnasio è il perno attorno al quale ruota la formazione degli studenti del liceo classico. La mia professoressa del Ginnasio era una mamma chioccia con curiose tendenze bipolari; da un lato, tendeva a trattenere i propri pulcini sotto le sue ali amorevoli fino a quando non sarebbero stati pronti per affrontare il Liceo (leggi: mai), nemmeno si trattasse di gettare i propri allievi nella fossa dei leoni; dall’altra, non perse tempo a sguinzagliarci contro la prima e la seconda declinazione sussurrandoci : «Su, ché son facili facili!», accertandosi che avessimo capito come si dovesse procedere per ottenere una buona traduzione. Passo passo, mattone per mattone.
E ci diede un consiglio all’apparenza stupido, ma che, come tutti i consigli all’apparenza stupidi, si rivelò fondamentale in seguito.
Quando rivedi un testo, prima di procedere oltre controlla sempre prima a destra e poi a sinistra.
Come quando attraversi la strada.

Continue reading “Manuale di sopravvivenza IV -Imparare ad attraversare la strada”

Annunci
scrittura

«Che mi venga un colpo!»

stroke1

 

Ho smaltito una quantità esorbitante di libri nei primi sette mesi del 2017 – una trentina, credo – ma siccome ho smesso di tenere il conto quasi subito, mi tocca andare a spanne.
Ad ogni modo, la lettura digitale è stata una mano santa che mi ha permesso di macinare pagine su pagine prima di andare a dormire, tranne in un caso. Perché c’è sempre l’eccezione che conferma la regola, e quest’eccezione è un romanzo che mi è stato inviato perché lo recensissi ma che purtroppo non sono riuscita  a terminare.
Dopo un inizio tutto sommato scorrevole, la lettura s’è incagliata in una serie di secche via via più insopportabili. Si dice il peccato, ma non il peccatore, raccomandava sempre mia nonna; e così farò io, perché non è importante sapere chi abbia commesso questo peccato, quanto il peccato stesso. O chi è stato a consentire codesto peccato. Perché, diciamocelo, quando leggo certe cose all’interno di un romanzo pubblicato – seppur con la scorciatoia del self publishing – io mi chiedo dove caspita fosse finito l’editor quando c’era bisogno del suo intervento.

 

Continue reading “«Che mi venga un colpo!»”

Manuale di Sopravvivenza · scrittura

Manuale di sopravvivenza III – Il marchio di fabbrica

kaboompics_Lovely roseses, book and coffee.jpg

Quello che tutti i corsi di scrittura ti ripeteranno fino allo sfinimento, più e più e più e più volte, è la seguente frase: trova la tua voce. Tradotto, significa che devi riuscire a trovare un tratto distintivo che ti faccia riconoscere all’istante.
La scrittura – e che riguardi un blog, un romanzo o la lista della spesa, poco importa – è un biglietto da visita importantissimo, unico ed inimitabile. Fa dire al tuo lettore «Sì, è lei» (o lui), dopo poche righe, crea un senso di tranquillità. È come quando vai a trovare un amico a casa sua e ti senti a tuo agio nel suo salotto, con la versione povera della lampada Artemide e i cuscini di Ikea, giusto?
Ecco, vale lo stesso per la scrittura.
Continue reading “Manuale di sopravvivenza III – Il marchio di fabbrica”

Istruzioni per l'uso · scrittura

These boots aren’t made for walkin’

tronchetto.jpeg

L’altro giorno, spulciando nell’armadio, mi sono capitate nelle mani un paio di scarpette primaverili davvero de-li-zio-se. Bianche, con il cinturino ed inserti azzurro mare in punta, un tacchetto basso e quel certo je ne sais quoi che ti fa dire «Massì. Mettiamo queste!». Le infili, stringi il cinturino, fai la ruota davanti allo specchio. Sono morbidissime, l’ideale per andartene a passeggio tra le vetrine, e ti domandi come mai quel paio di scarpette strepitose sia rimasto a languire lì, sul fondo dell’armadio.
Troppa roba, ti dici, chiudendo le ante dell’armadio e infilando la borsa sottobraccio. Senza sospettare che, a sera, rienterai a casa con delle vesciche grosse come mandarini. Perché se quelle scarpe sono rimaste sul fondo dell’armadio, credimi: un motivo c’è. E quel motivo è che quelle scarpette non sono fatte per camminare.

Continue reading “These boots aren’t made for walkin’”