Manuale di Sopravvivenza · scrittura

Manuale di sopravvivenza IV -Imparare ad attraversare la strada

ampelmann.jpg

Il professore di Lettere del Ginnasio è il perno attorno al quale ruota la formazione degli studenti del liceo classico. La mia professoressa del Ginnasio era una mamma chioccia con curiose tendenze bipolari; da un lato, tendeva a trattenere i propri pulcini sotto le sue ali amorevoli fino a quando non sarebbero stati pronti per affrontare il Liceo (leggi: mai), nemmeno si trattasse di gettare i propri allievi nella fossa dei leoni; dall’altra, non perse tempo a sguinzagliarci contro la prima e la seconda declinazione sussurrandoci : «Su, ché son facili facili!», accertandosi che avessimo capito come si dovesse procedere per ottenere una buona traduzione. Passo passo, mattone per mattone.
E ci diede un consiglio all’apparenza stupido, ma che, come tutti i consigli all’apparenza stupidi, si rivelò fondamentale in seguito.
Quando rivedi un testo, prima di procedere oltre controlla sempre prima a destra e poi a sinistra.
Come quando attraversi la strada.

crossroad-zebra-crossing-crosswalk.jpg

Qualsiasi traduttore ti dirà che non si procede parola per parola, come farebbe un panzer lanciato per un pendio fiorito.
Quando si traduce un testo lo si legge per esteso, si scompongono i periodi e solo dopo si sostituiscono le parole, passando da un idioma all’altro. Man mano che ci si impratichisce, ci si crea un proprio vocabolario – altrimenti come puoi pretendere di parlare con qualcuno? Consultando il dizionario ad ogni parola? – e quindi si procede più spediti, rimandando ad un secondo momento la sistemazione del testo.
Spesso, saltando da una lingua ad un’altra, c’è un cambio di genere (la mer à il mare; le dimanche à la domenica), oppure s’incappa in un termine polisemantico come λόγος o sermo, per cui occorre bene capire di cosa si stia parlando prima di scegliere una traduzione corretta (e in tal caso, buona fortuna).
E allora?
E allora finisce spesso che le concordanze se ne vadano alle ortiche, e fidati: un professore – o un cliente – non ama ritrovarsi con una traduzione di cui si è capito il senso, ma grammaticalmente sballata. Quindi, diceva la mia prof, ritagliatevi un po’ di tempo per rivedere il testo. E controllate le concordanze, guardando a destra o a sinistra. Come quando si attraversa la strada.

 

ampelmann2.jpg

Questo perché se ci troviamo con un testo pieno di incidentali e subordinate (Cicerone anyone?), i termini da far concordare possono essere distanti nello spazio; la stessa cosa accade per le traduzioni moderne, o con le revisioni dei testi in generale. A volte si scrive di getto, usando le prima parole che ci vengono in mente; ma poi, in fase di riscrittura, ci ritroviamo per le mani la fiera delle ripetizioni. Quindi limiamo, sistemiamo e perché no?, cambiamo i termini che abbiamo usato in genere o in numero. E per non concordarci con una concordanza sballata, indovina un po’ che facciamo?
Esatto, guardiamo a destra e a sinistra.

kaboompics_Small notebooks with colourful pencils in a jar on a wooden desk

Ti faccio un esempio pratico:

Mentre tutto il mondo salutava i lunedì con un grugnito, valutando se cedere alla tentazione di spegnere la sveglia e girarsi dall’altra parte, Marco riteneva che non fossero poi tanto diversi dagli altri giorni, ma che, anzi, fossero più lievi; profumavano ancora del fine settimana appena trascorso, come non avrebbero potuto alleggerire spalle e cuori?

Ora, rileggendo questo breve periodo, mi rendo conto che scorre, sì, ma c’è un intoppo che non rende i pensieri di Marco fluidi. Il problema è che l’oggetto del cogitare di Marco è sottinteso, riferendosi a quei lunedì che sono apparsi all’inizio del periodo.
Qui occorre sciogliere un po’ la frase

Mentre tutto il mondo salutava i lunedì con un grugnito, valutando se cedere alla tentazione di spegnere la sveglia e girarsi dall’altra parte, Marco riteneva che quelle giornate non fossero poi tanto diversi dagli altri giorni, ma che, anzi, fossero più lievi; profumavano ancora del fine settimana appena trascorso, come non avrebbero potuto alleggerire spalle e cuori?

 

e specificare che Marco sta parlando proprio dei lunedì.
Ma la soluzione da me scelta va concordata in genere e numero. E quindi:

Mentre tutto il mondo salutava i lunedì con un grugnito, valutando se cedere alla tentazione di spegnere la sveglia e girarsi dall’altra parte, Marco riteneva che quelle giornate non fossero poi tanto diverse dagli altri giorni, ma che, anzi, fossero più lievi; profumavano ancora del fine settimana appena trascorso, come non avrebbero potuto alleggerire spalle e cuori?

 

Ma va comunque eliminata una ripetizione (giornate/giorni). Quindi, invoco il santo potere degli avverbi, ed ecco fatto:

Mentre tutto il mondo salutava i lunedì con un grugnito, valutando se cedere alla tentazione di spegnere la sveglia e girarsi dall’altra parte, Marco riteneva che quelle giornate non fossero poi tanto diverse dalle altre, ma che, anzi, fossero più lievi; profumavano ancora del fine settimana appena trascorso, come non avrebbero potuto alleggerire spalle e cuori?

 

E così via, per tutte le occorrenze che decido di cambiare.
Se decido che il protagonista del mio racconto ha un bel pastore tedesco che si chiama Scott, non posso farlo diventare una femminuccia di nome Queen in corso d’opera senza che vi sia una spiegazione sensata, o il lettore penserà che io sia pazza. Okay, io sono pazza, ma questo, adesso, c’entra poco col nostro discorso…

 

stop

Che si tratti di una traduzione o di una revisione, ricorda che che devi offrire a chi leggerà il tuo testo un’esperienza il più possibile fluida, come un giro in bicicletta nel parco. E a nessuno piace avventurarsi per un sentiero dissestato dalle talpe, giusto?
Quindi, sia che tu stia per attraversare la strada, sia che tu stia revisionando un testo, ricordati sempre di controllare prima a sinistra e poi a destra.

 

Mi prendo una settimana di riposo. Niente di trascendentale, il tempo necessario per ricaricare le batterie e sarò tra voi.
Non vi lascio soli!
Troverete un capitolo di La Ragazza del Juke-Box programmato per mercoledì prossimo.

Buone vacanze!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...